• facebook retargeting guida completa

Facebook Retargeting: la guida completa al remarketing micidiale su facebook

Se sei già membro del nostro gruppo probabilmente avrai notato con quanta frequenza parliamo di remarketing su facebook.

Lo facciamo perchè funziona.

Molti si spaventano per la sua apparente complessità e commettono l’errore di non usarla altri invece si avventurano in bizzarre applicazioni e rischiano di non sfruttare al massimo le sue potenzialità.

Se consideri che pochissimi visitatori sono pronti a comprare un prodotto quando visitano un sito e-commerce per la prima volta, ti renderai conto da solo quanto sia importante fare retargeting e raggiungere nuovamente tutti quelli che hanno manifestato già un interesse per il tuo prodotto.

Abbiamo creato questa guida per mostrare a chiunque stia iniziando adesso quanto possa essere facile e veloce implementare il remarketing su facebook nelle campagne già in corso e aiutare chi già conosce questa tecnica a portarla ad un livello avanzato.

Iniziamo!

Nota: l’Ad Manager utilizzato in questa guida è in inglese  quindi potresti trovare nomi differenti nelle immagini e nei video di seguito ma non ti proccupare è tutto molto intuitivo e non avrai difficoltà a creare le tue campagne. Per qualsiasi dubbio puoi usare il nostro gruppo facebook oppure commentare qui sotto.

 

 

Cos’è il Retargeting(o Remarketing)?

 

Quante volte ti è capitato di farti un giro in un sito che vende un determinato servizio/prodotto, lasciarlo ed essere poi seguito (quasi perseguitato) nei giorni seguenti dalle inserzioni pubblicitarie relative proprio a quel prodotto/servizio?

Ecco, quello è il retargeting.

 

Retargeting significa fare marketing a persone che hanno già interagito con il tuo sito.

E’ possibile realizzare questo tipo di pubblicità su tantissime piattaforme di advertising ma come ti anticipavo, in questa guida faremo riferimento esclusivamente al retargeting su facebook.

Per creare inserzioni su facebook rivolte a persone che hanno già avuto una prima interazione dovrai installare sul tuo sito un piccolo pezzo di codice.

Non ti preoccupare nulla di complicato, fra poco ti farò vedere come.

Quello che ti serve sapere adesso è che questo codice viene chiamato Facebook Pixel ed ogni volta che viene eseguito invia a facebook informazioni relative alle azioni che il tuo utente sta compiendo sul tuo sito.

Queste informazioni ci permettono di costruire degli insiemi di persone, chiamati Custom Audience,  che hanno compiuto una determinata azione.

Una volta create le Custom Audience puoi creare delle campagne specifiche rivolte a questi utenti.

Sembra complicato ma non ti preoccupare fra poco entrerò nel dettaglio.

 

 

Perchè funziona il Remarketing su Facebook?

Il retargeting su Facebook è importante per una ragione semplicissima: funziona.

Ci sono delle differenze cruciali tra il traffico proveniente da una campagna di retargeting e quello proveniente da un qualsiasi altro targeting.

Con un targeting classico di solito andiamo ad individuare un gruppo di persone che molto probabilmente non conosceva il nostro prodotto o il nostro brand.

 

Parliamo però di una curiosità non ancora ben definita e molto probabilmente debole per spingere una persona all’acquisto.

  • Perchè hanno cliccato sulla nostra inserzione?
  • Dipende dall’immagine buffa che avete usato per quell’Ad?
  • Dal fatto che un amico su facebook l’abbia condivisa?
  • Oppure sono reali potenziali clienti interessati al vostro prodotto?

Questo non lo potete sapere a priori.

Quando invece creiamo una campagna di re-targeting andiamo a cercare un traffico più “caldo” rappresentato da tutte quelle persone che hanno già interagito con il tuo sito (visita, acquisto, aggiunta al carrello,…) e probabilmente conoscono già il tuo brand.

Come puoi ben immaginare un pubblico che già ci conosce (spesso) è molto più propenso ad acquistare da noi ed il retargeting è uno dei metodi più efficaci per trovarlo.

Proviamo a ricreare per un attimo un tipico scenario…

Stai facendo la fila alle poste e sembra ce ne sia ancora per un po’.

Annoiato tiri fuori il cellulare e incominci a scorrere la tua bacheca facebook quando ad un certo punto sei rapito da un video sponsorizzato in cui si parla di uno splendido obiettivo fotografico in vendita su un sito eCommerce sconosciuto.

Sei appassionato di fotografia, il prodotto ti interessa ed incominci a girare per il negozio online.

Ti piacciono tantissimi prodotti di questo store ma ad un certo punto è arrivato il tuo turno e quindi lasci il sito prima di intraprendere qualsiasi azione.

 

 

Ci sta, anche perchè diciamoci la verità forse non ne avevi neanche bisogno e poi hai cose ben più importanti da fare adesso che acquistare un obiettivo nuovo.

Ora, anche se quell’obiettivo ti aveva colpito, quanto tempo credi possa passare prima che qualcos’altro prenda il suo posto nel tuo cervello?

5 minuti? E’ molto probabile.

Bene, adesso immagina di rivedere il giorno dopo un’altra Ad (inserzione pubblicitaria) relativa allo stesso obiettivo in cui vengono spiegate altre caratteristiche.

Cavolo! Tra queste funzioni c’è anche uno stabilizzatore ottico interno! Ne hai di obiettivi ma con questa caratteristica, no! Incredibile che tu sia stato fortunato a ritrovare la stessa inserzione!

Non ci pensi un secondo, torni sul sito e-commerce, selezioni il modello ed inizi il checkout, però aspetta…

49€ di spedizione? Wow.. questo costo imprevisto ti spiazza. Disorientato abbandoni il carrello.

Il giorno dopo mentre ripensi all’obiettivo ti senti orgoglioso di te perchè hai preso una decisione saggia a non spendere tutti quei soldi ma poi qualcosa succede…

L’obiettivo è tornato sulla tua bacheca ma questa volta l’inserzione la vedi sul tuo computer fisso e ti comunica una offerta imperdibile: la spedizione è gratuita solo per oggi e solo per te!

Incredibile…

E’ tempo di prendere la tua carta di credito e non perdere questa occasione. Il costo alto della spedizione era proprio il motivo per cui avevi deciso di non acquistare… che fortuna!

Pochi giorni dopo ti arriva il tuo obiettivo e tu non vedi l’ora di poterlo provare.

Bene, questa storia a lieto fine è stata gentilmente offerta da una campagna di retargeting e adesso che hai capito bene di cosa si tratta andiamo a vedere in dettaglio quali strumenti hai bisogno per realizzarne una.

 

Facebook Pixel

Come funziona il Pixel Facebook?

Ovviamente, è possibile ricreare un’esperienza di acquisto come quella appena raccontata solo se si riescono ad avere informazioni precise su:

  • Chi ha visitato il tuo sito
  • Quando è stato visitato
  • Quale prodotto/pagina ha visto
  • Quali azioni ha intrapreso

Facebook può determinare solo una parte di queste informazioni.

Non ne sa nulla di quello che accade dopo che un suo utente clicca una inserzione pubblicitaria.

Per ovviare a questo problema Facebook, come Google o qualsiasi altra piattaforma di media buying, mette a nostra disposizione uno strumento potetissimo: il Pixel.

Per capire REALMENTE cos’è il Facebook Pixel dobbiamo scendere brevemente nel tecnico:

Un Pixel è un frammento di codice (pixel code) che mettiamo in tutte quelle pagine del nostro sito che vogliamo monitorare e che viene eseguito ogni volta che queste pagine vengono visitate da un utente.

Che cosa succede ogni volta che questo codice viene eseguito?

Il pixel esegue una applicazione che causa il download automatico di un super cookie nel browser di chi visita il tuo sito.

Ora, un cookie, per chi non lo sapesse, è un semplice file di testo dove vengono immagazzinate tutte le informazioni sulla sessione dell’utente. Azioni, scelte, url visitati, preferenze,…

Ed è proprio questo piccolo file che ognuno di noi ha installato nel proprio browser che permette alle differenti piattaforme di advertising di:

  • identificare un utente mentre naviga,
  • registrare quale azioni intraprende
  • proporre la giusta inserzione a seconda delle sue preferenze.

Qui puoi trovare più informazioni sui cookies di Facebook

Mi rendo conto che può sembrare tutto molto complicato ma in realtà l’unica cosa che devi sapere è che quando apri un account come inserzionista pubblicitario (Facebook Advertiser account) ti viene assegnato un pixel (in realtà con il business manager oggi puoi arrivare fino a 10 Pixel. Scopri come qui) che puoi inserire facilmente nel tuo sito e che può aiutarti a tracciare le azioni più importanti dei tuoi utenti.

Una delle cose più incredibili che è in grado di fare il pixel è quella di trascendere dal particolare dispositivo che si usa. A prescindere che tu stia usando il tuo cellulare, tablet, tv o desktop facebook saprà sempre chi sei e quali sono le tue preferenze.

 

Come creare il tuo Facebook Pixel

La creazione del pixel è molto semplice.

In questo video (Video 2 Modulo 3 spiego in dettaglio come accedere al proprio Facebook Ad Account, come creare ed usare il pixel e tantissimi altre cose. Il video è preso dal nostro video corso base gratuito specifico sul t-shirt business ma il concetto non cambia.

 

Come ti dicevo in questo video oltre a mostrarti come creare un pixel ti faccio vedere anche come integrarlo in una piattaforma POD di terze parti.

Se non sai di cosa sono le piattaforme di Print-On-Demand leggi:  Guida completa per creare un business online con l’e-commerce

Ovviamente è possibile integrare il Pixel in qualsiasi sito.

Se hai sviluppato il tuo sito a mano dovrai aggiungere il pezzo di codice che ti fornirà facebook in ogni pagina del tuo sito.

Basta andare nel pannello di controllo del Pixel e cliccare “Set Up”

Come Installare il Pixel per fare Facebook Retargeting

Selezionare “Manually Install the Code Yourself” e seguire le istruzioni passo passo per l’installazione.

Istallare Facebook Pixel sul tuo sito

Se stai usandoinvece una piattaforma e-commerce, come:

  • WooCommerce (WordPress)
  • Wix.com
  • Shopify
  • Magento
  • BigCommerce
  • Segment
  • Squarespace

clicca su “Use an integration or Tag Manager” nella sezione Pixel del tuo Ad Account.

Anche qui Facebook fornisce istruzioni semplici e dettagliate per integrare tutto con pochi click.

Per WordPress esistono vari facebook pixel plugin che puoi utilizzare per integrare velocemente il tuo pixel code come ad esempio Pixel Your Site.

 

Come verificare il corretto funzionamento del Pixel (FB Pixel Helper)

Una volta che hai installato il tuo pixel devi verificare che tutto stia funzionando correttamente. Per farlo basterà scaricare l’estensione gratuita per chrome che Facebook mette a disposizione chiamata Pixel Helper (facebook pixel chrome).

 

Una volta installata, ti comparirà una nuova icona blu su chrome con questo simbolo (la trovi in alto a destra insieme alle icone delle altre estensioni </> ).

A questo punto visita il sito su cui hai installato il tuo pixel e clicca sull’icona del pixel helper.

Si aprirà un pannello dove verranno visualizzate tutti i pixel installati (figura).

Facebook Audience

Definizione del proprio pubblico: cosa sono le Custom Audience?

Adesso che hai capito cosa è il retargeting, perchè è così importante e quali sono gli strumenti necessari per implementarlo è tempo di sporcarci le mani e applicare questa strategie alle tue campagne.

Per farlo utilizzeremo uno degli strumenti più potenti che Facebook ci fornisce: le Custom Audience (o Pubblico Personalizzato per chi lo vuole pronunciare in italiano).

In poche parole grazie a questo strumento potremo inserire in un “recipiente virtuale” un gruppo di persone che hanno già avuto un contatto con il tuo business. Persone che hanno semplicemente interagito con la tua pagina facebook o visitato una pagina del tuo sito oppure hanno acquistato già un tuo prodotto.

Ad esempio possiamo creare audience basate su:

  1. Tutte le persone che hanno aggiunto al carrello un determinato prodotto del tuo negozio online ma che poi non hanno effettuato l’acquisto (abbandono del carrello)
  2. Tutte le persone che hanno acquistato già un nostro prodotto.
  3. Persone che hanno interagito con la tua pagina facebook in un lasso di tempo determinato.
  4. Persone che hanno visto un video sulla nostra pagina facebook.
  5. Persone che hanno visitato la pagina del nostro prodotto
  6. Persone che hanno lasciato una email sul tuo sito

E così via. Una incredibile quantità di combinazioni da poter sfruttare per la nostra strategia di marketing.

Vediamone le più importanti.

 

Come creare una custom audience

Per creare una custom audience vai nel tuo Ad Manager e clicca le 3 linee in alto a destra per accedere all’ Ad Manager Menu. Nalla colonna degli Assets clicca su Audiences

Ad Manager Menu - facebook audience retargeting

Successivaente clicca su Create Audience e poi su Custom Audience

Create Facebook Custom Audience

Qui puoi vedere tutte le opzioni possibili per creare le tue Custom Audience.

/Users/alessandrokayed/Desktop/Website Traffic Retargeting

 

Tra le custom audience più importanti usate per fare remarketing su facebook ci sono ovviamente quelle per visita al sito. Vediamo come si creano.

 

 

1. Custom Audience: tutte le persone che hanno visitato il nostro sito

Puoi creare una custom audience con tutte le persone che hanno visitato la pagina su cui vendi il tuo prodotto in 5 semplici passi:

  1. Dal pannello ‘Create Custom Audience’ (immagine precedente) cliccate su Website Traffic.
  2. Cliccate sul menù a tendina e selezionate “People who visited specific web pages”.
  3. Stabilite per quanti giorni i vostri utenti dovranno rimanere all’interno di questa audience (massimo 180 giorni).
  4. Lasciate impostato URL e contains ed inserite la pagina del vostro prodotto. Se ad esempio fosse www.ilmiosito.com/lapaginadeltuoprodotto allora basterà inserire solo la parte finale come mostrato in figura.
  5. Dai un nome alla tua audience e conferma cliccando du “create audience”

Facile, no?

 

In questo caso avremo creato una audience che conterrà tutte le persone che hanno visitato la pagina del tuo prodotto negli ultimi 30 giorni. Superati questi 30 giorni l’utente verrà rimosso da questo contenitore.

Se vuoi puoi anche includere o escludere altre pagine. Ad esempio tutte quelle persone che hanno già acquistato il tuo prodotto.

In questo video (dal min 10 al min 13) del video corso gratuito sul tshirt business ti mostro in pochi passi come creare esattamente questa custom audience.

 

2. Custom Audience: visitatori per tempo trascorso

Dividere i tuoi visitatori a seconda di quanto tempo hanno trascorso sul tuo sito può permetterti di sviluppare strategie diverse e più specifiche in fase di facebook retargeting.

Come?

Ad esempio a chi ha mostrato più interesse potresti sponsorizzare delle offerte speciali o delle novità che hai lanciato ultimamente.

A chi invece ha mostrato meno interesse potresti inviare dei contenuti free in modo da farti conoscere e stringere il rapporto.

Per creare questo tipo di custom audience scegliete “Visitors by time spent” nel menù a tendina.

 

Ad esempio il 25% corrisponde ai migliori (top 25%) tra tutti i visitatori che hanno trascorso più tempo sul sito web nel periodo di tempo selezionato.

 

3. Custom Audience: usare gli eventi.

Ricordi quando ti dicevo che il Pixel di Facebook ci permette di tracciare una serie di azioni del nostro visitatore?

Bene, non mi riferivo solo all’azione di visitare una determinata pagina ma anche alle azioni che possono essere intraprese all’interno di ogni pagina.

In generale quindi puoi raggruppare i tuoi visitatori in base a tantissimi eventi.

Ora, cerca di seguirmi in questo ragionamento:

Il percorso che un visitatore deve fare per raggiungere il tuo obiettivo è composto esattamente da un insieme di eventi.

Se puoi tracciare ogni evento puoi capire anche a che punto del percorso si trova un determinato utente.

Confusione?

Facciamo un esempio concreto.

Nell’ eCommerce l’obiettivo principale è la vendita. Questo è noto.

Se dovessimo dividere il percorso che deve fare un nostro utente per acquistare un nostro prodotto probabilmente sarebbe:

  1. Vede la nostra Ad
  2. Clicca sul link
  3. Visualizza la pagina del prodotto
  4. Clicca sul bottone “Aggiungi al carrello”
  5. Inserisce l’indirizzo e la modalità di pagamento
  6. Acquista

Ovviamente ne esistono molti di percorsi. Questo è quello più comune.

Ora, se il pixel è correttamente installato sul nostro sito di e-commerce, questi sei eventi standard vengono tracciati, ricevuti da facebook ed associati ai profili dei visitatori.

In questa immagine puoi vedere che oltre alle opzioni (di visita url) di cui abbiamo parlato in precedenza esiste la possibilità di creare audience per eventi:

 

Facciamo un esempio concreto.

Se voglio creare una strategia di retargeting per raggiungere tutti quei visitatori che hanno aggiunto un prodotto del mio sito e-commerce al carrello ma poi non hanno finito l’acquisto, dovrò:

  1. Individuare tutti quelli che hanno aggiunto un prodotto al carrello.
  2. Escludere da questi tutti quelli che hanno acquistato un prodotto.

 

Qui di seguito trovi come implementare questa audience

/Users/alessandrokayed/Desktop/facebook retargeting abandoned cart

 

 

Creazione di una campagna di Remarketing

Tutto il processo passo-passo

#PASSO 1#  CREA ED INSTALLA IL TUO FACEBOOK PIXEL NEL TUO SITO

  • Usando le istruzioni che trovi nella sezione “FACEBOOK PIXEL” di questa quida crea il pixel nel tuo ad account ed installalo sul tuo sito.
  • Controlla attraverso il PIXEL HELPER che il pixel sia presente sulle pagine e che ogni evento standard sia tracciato correttamente.
  • Se fai e-commerce gli eventi standard più importanti sono:
    • View Content : visualizzazione della pagina
    • Add To Cart : aggiunta al carrello
    • Initiate Checkout : informazione per la spedizione
    • Add Payment Info : scelta del metodo di pagamento
    • Purchase : Acquisto

 

#PASSO 2# CREA UNA O PIÙ CUSTOM AUDIENCE

  • Usa le istruzioni che trovi nella sezione “FACEBOOK AUDIENCE” di questa guida per creare delle Custom Audience.
  • Se fai e-commerce tra le più importanti:
    • Tutti quelli che hanno visitato un prodotto specifico :  tramite URL (o evento View Content)
    • Tutti quelli che hanno visitato una qualsiasi pagina del tuo sito
    • Tutti quelli che hanno visitato i prodotti di una determinata nicchia: metodo avanzato ne parleremo in un altro post
    • Tutti quelli che hanno aggiunto un prodotto al carrello: tramite evento Add To Cart
    • Tutti quelli che hanno acquistato un prodotto dal tuo sito e-commerce: tramite evento Purchase

 

#PASSO 3# INVIA TRAFFICO FREDDO VERSO IL TUO SITO

  • Ricordati che il retargeting per definizione è rivolto a chi ha avuto già una prima interazione con il tuo sito. Quindi c’è bisogno di traffico iniziale per poter popolare le tua audience.
  • Usa il targeting classico con Audience Insights per definire un primo pubblico di persone potenzialmente interessate. Non sai come? guarda il video qui sotto dove ti faccio vedere passo passo come fare. Ovviamente questa Audience non sarà efficace come una Custom Audience ma è necessaria per raccogliere le prime interazioni.

 

#PASSO 4# : CONTROLLA CHE LE AUDIENCE SIANO POPOLATE

  • Una volta che arriva il primo traffico freddo, il tuo pixel incomincerà a tracciare le prime interazioni e Facebook inizierà a popolare le tue audience.
  • Su Facebook una audience deve contenere almeno 20 profili prima che sia disponibile per essere usata in fase di facebook retargeting.
  • Per controllare la disponibilità vai nella sezione Audience del tuo Facebook Ad Account e controlla che la spia della tua audience nella colonna Availability sia verde.

 

#PASSO 5# : CREA UNA CAMPAGNA DI FACEBOOK RETARGETING

  • Nel tuo Ad Account clicca su CREATE AD (o CREA INSERZIONE in italiano) Crea Facebook Retargeting Ad
  • Selezionate un obiettivo. Per chi come me fa e-commerce ecco qualche suggerimento/osservazione:
    • Ricordatevi che andrete a fare marketing a persone che hanno manifestato già un interesse per il vostro prodotto e quindi non c’è bisogno di scegliere obiettivi per conversione e ottimizzare per determinati eventi. Così facendo escludereste potenziali profili che magari invece potrebbero essere molto interessati alla vostra offerta.
    • Il mio suggerimento è di scegliere obiettivi diretti alla copertura completa della vostra audience quindi:
      • Obiettivo TRAFFIC usando l’opzione Daily Unique Reach come Optimization Delivery
      • REACH (o COPERTURA in italiano) dove potete scegliere voi il frequency Cap 
    • Dai un nome alla tua campagna

Obiettivi consigliati per Facebook Retargeting

    • Dopo aver scelto l’obiettivo, cliccate su NEXT.
    • Nella sezione AUDIENCE aggiungete le Custom Audience precedentemente create

Facebook Retargeting Audience

    • Impostate gli altri parametri secondo le vostre esigenze ricordando che:
      • Budget: le custom audience sono di solito molto più piccole rispetto ad altri tipi di audience quindi non servirà un budget grande all’inizio.
      • Schedule: è sempre meglio far partire una audience nelle prime ore del mattino del paese target.
      • Placement: la bacheca rimane uno dei placement migliori per il Facebook retargeting
    • Scegliete il tipo di ottimizzazione per il delivery  (attenzione: non sto parlando dell’ottimizzazione per conversione)
      • Se come obiettivo avete scelto TRAFFIC impostate Daily Unique Reach (immagine 1)
      • Se come obiettivo avete scelto REACH impostate il vostro Frequency Cap (immagine 2) 

 

Immagine 1 (Ottimizzazione di delivery per campagne TRAFFIC)

Ottimizzazione delivery facebook retargeting

 

 

Immagine 2 (Ottimizzazione di delivery per campagne REACH)

frequency cap facebook retargeting

 

Per qualsiasi dubbio scrivi nei commenti qui sotto o nel nostro gruppo facebook

 

Strategie di Retargeting

Esempi di Facebook Retargeting per l’eCommerce

Vediamo insieme qualche esempio di campagne di retargeting che utilizzo per i miei store e-commerce.

#STRATEGIA1# : FACEBOOK RETARGETING PER VISITA

Questa è la strategia di facebook retargeting standard. Il MUST in tutte le campagne. Se qualcuno ha visto il tuo prodotto è opportuno farglielo rivedere almeno altre 2/3 volte.

Invece di riproporgli la stessa inserzione cerca di cambiare.

Proponi altre 2/3 immagini (più Ads nello stesso Ad Set) che riprendono altre funzionalità o altri dettagli del tuo prodotto. Questo ti permetterà di migliorare le tue campagne per 2 modivi principali:

  1. Combattere l’effetto di banner Blindness (chi si abitua ad una stessa immagine finisce per non notarla più)
  2. Vedere se esistono Immagini e testi più performanti ed usarle per migliorare i tuoi risultati.

 

#STRATEGIA2# : FACEBOOK RETARGETING PER GENERE

Se il tuo prodotto ha differenti versioni per uomo/donna o bambino puoi migliorare l’efficacia delle tue inserzioni facendo retargeting per genere.

Supponiamo che tu stia vendendo da una settimana una maglietta a tutti gli amanti di Hockey.

Se volessi fare retargeting e mostrare alle donne la versione femminile e agli uomini la versione maschile, questi sono i passi:

  1. Crea 1 campagna di retargeting (consiglio obiettivo REACH o TRAFFIC)
  2. Seleziona la custom audiace contenente i visitatori della pagina prodotto
  3. Nella sezione Audience seleziona “DONNE” (in questo modo verrano selezionate solo le donne che hanno visto il tuo prodotto)
  4. Crea una Ad all’interno del’ad set così costruito con una maglietta femminile.
  5. Ripeti il punto 1 per gli Uomini

 

#STRATEGIA3# : CROSS-SELLING e UP-SELLING

E’ importante che tu capisca che una vendita iniziale rappresenta una opportunità per il futuro del tuo business e non l’obiettivo finale.

I clienti più preziosi sono quelli che hanno già dimostrato interesse per i nostri prodotti/servizi.

Potresti ad esempio provare ad offrire accessori o prodotti simili o complementari al primo (CROSS-SELLING) oppure incoraggiare un cliente a comprare un upgrade del prodotto appena acquistato (UP-SELLING).

Come fare? Ecco un esempio:

  1. Crea 1 campagna di retargeting (consiglio obiettivo REACH o TRAFFIC)
  2. Crea 1 Custom Audience contenente tutte le persone che hanno acquistato negli ultimi 3 giorni sul tuo store (vedi capitolo precedente ‘Custom Audience: usare gli eventi’)
  3. Crea un ad set con un budget ponderato per la grandezza della tua audience e con la Custom Audience creata nel passo (2)
  4. Crea varie Ad all’interno del’ad set creato con prodotti simili o upgrades.

 

#STRATEGIA4# : EVERGREEN CAMPAIGN

Cosa succede se un potenziale cliente vede e rivede sempre la stessa inserzione per molto tempo? Le performance della campagna di retargeting possono clorrare a causa di vari fattori . In questo video spieghiamo quali sono le cause ed una strategia per ovviarle.

 

Conclusioni

Come abbiamo visto in questa guida il retargeting è una tecnica di avertising fondamentale per le nostre conversioni e per abbattere i costi di acquisizione dei nostri clienti. L’implementazione è molto semplice ed i risultati sono incredibili come puoi vedere ad esempio in questo case study:

Facebook Ads: come scalare una campagna (30.000 eur/mese case study) 

In questo esempio la maggior parte del profitto arriva proprio dalle campagne di retargeting.

Se non stai utilizzando questo tipo di campagne stai lasciando un mucchio di soldi ai concorrenti!

E tu che tipo di strategie di retargeting utilizzi? Fammelo sapere nei commenti.