• Guadagnare disegnando

3 Modi Sicuri per Guadagnare Online con la tua Creatività

Sai disegnare? Sai usare Photoshop e/o Illustrator? E magari ti piacerebbe anche guadagnare online disegnando…

Sempre più disegnatori, illustratori e appassionati del settore stanno utilizzando ed approfittando delle nuove risorse che il web offre. Non è certo un mistero che il mondo del lavoro (soprattutto quello dei servizi) si stia spostando su internet.

All’estero è già da un po’ che circolano piattaforme e metodi assolutamente innovativi grazie ai quali puoi portare a casa bei soldini.

E noi qui che aspettiamo?

Rimarrai sorpreso nello scoprire come si possa guadagnare spesso più di quanto si riesca con le canoniche 8 ore in ufficio, o sgobbando con qualsiasi altro lavoro.

E guarda che non lo dico per sentito dire, ma per esperienza personale.

Ma non è solo questo.

Il punto è che guadagnare facendo ciò che ci piace non ha eguali, vero e proprio ossigeno per la mente. In più, i 3 metodi che ti svelerò sono completamente gratuiti; nessuno cercherà di spillarti soldi o venderti qualcosa.

Continua a leggere e vedrai come fare soldi online divertendoti.

Iniziamo subito. Ci sono 3 modi molto intuitivi che puoi utilizzare nell’immediato e sono:

  • Creare design e guadagnare con il print-on-demand (questo è il sistema che preferisco e che trattiamo nel nostro gruppo facebook. Se sei già membro sai bene che i profitti realizzati sono stati anche a 6 zeri in più i diritti d’autore e di uso commerciale rimangono al 100% tuoi)
  • Lavorare online come freelancer utilizzando piattaforme ad hoc (guadagni sicuri, niente spese; occhio alle percentuali sui profitti che i siti trattengono)
  • Pubblicare i tuoi design nei marketplace online (ancora un buon sistema, anche se forse un po’ datato).
  • +METODO BONUS (update 2017): Creare un tuo brand usando Shopify (essendo una piattaforma di e-commerce a pagamento non l’ho voluta includere appositamente nella lista ma dopo aver visto i risultati che sto avendo ultimamente con questo sistema vale la pena condividerlo con voi)

1 – CREARE DESIGN E GUADAGNARE CON IL PRINT ON DEMAND

Sostanzialmente crei un design per una T-shirt o per tanti altri prodotti (per chi non sa disegnare, basta assoldare un disegnatore tramite le piattaforme citate nel punto 2). Lo carichi su siti ad hoc, lanci una campagna e la pubblicizzi sui social media.

Tu non dovrai pensare a nulla. Il sito penserà a tutto, dalla stampa al customer care, dal sistema di pagamento alla spedizione. I guadagni sono alti per il semplice fatto che il Print-On-Demand abbassa drasticamente i costi di produzione.

t-shirt-business2

Alcuni esempi di campagne tramite print-on-demand

In più non c’è nessuno spreco – si stampa solo se piace – e tutti sono più contenti.

L’importante è dare sfogo alla creatività creando il design e facendolo conoscere sul web…

pubblicizzare-i-tuoi-design-online

L’unico aspetto su cui stare attenti infatti, è la strategia. Per vendere tramite questo sistema bisogna scegliere i migliori siti di print-on-demand, imparare ad utilizzarli e capire quali sono le migliori tecniche per pubblicizzare sui social network i nostri design. Non è complicato, ma meglio imparare da chi già guadagna con questo metodo.

Purtroppo non esiste molto materiale in italiano disponibile su questo nuovo fenomeno ad eccezione del nostro blog e sopratutto del nostro gruppo chiuso su facebook.  All’interno potrai conoscere non solo tante altre persone che ne hanno fatto una professione a tempo pieno ma potrai anche vedere gratuitamente l’unico video corso in italiano che spiega dalla A alla Z come trasformare i tuoi design in prodotti e guadagnare vendendoli online.

E tutto questo senza la necessità di avere un sito e-commerce, un magazzino, le macchine per la stampa e tenendo al 100% i diritti d’autore e d’utilizzo commerciale.

Scoprirai come scegliere il design vincente, come usare i social media per far conoscere il tuo design/prodotto, come funzionano le piattaforme. Insomma proprio tutto.

2 – LAVORARE ONLINE COME FREELANCER

guadagnare come freelancer online

Sono molti i siti adatti a questo scopo. Facili ed intuitivi, mettono in contatto chi offre servizi con chi li cerca. Ovviamente – e per fortuna- le richieste arrivano da tutto il mondo.
Ti iscrivi quasi sempre gratuitamente, indichi le categorie che ti interessano, carichi il tuo portfolio, descrivi un po’ chi sei e cosa fai ed il gioco è fatto. Ogni piattaforma ha le sue peculiarità ed ognuna trattiene una percentuale. Vediamo alcune delle più conosciute:

  • Fiverr: forse tra i siti più famosi. Puoi scegliere tra le molteplici categorie della sezione Graphics & Design per proporti. Tutto viene venduto al prezzo fisso di 5$ (cioè 3,60€ circa). Pubblica il tuo portfolio e le tue skill ed il cliente ti contatterà. Pagamenti veloci. Sito non disponibile in italiano. La piattaforma trattiene 1$ (più o, meno 0,70€) sul tuo guadagno per ogni vendita fatta.
  • Upwork (ex Odesk): guarda nella sezione delle inserzioni di lavoro, cerca tra i progetti che ti interessano e proponi la tua idea su come li realizzeresti. Le richieste vanno dalle più semplici alle più complesse: da un logo per un evento, per un’azienda, a copertine per libri, design per applicazioni, etc. Trattiene il 10% sui tuoi guadagni.
  • Elance: fa parte del gruppo Upwork. È disponibile il motore di ricerca interno per parola chiave. Iscrizione gratuita. Se scegli l’accesso premium, a partire da 10$, aumenti la visibilità del tuo profilo, facendolo apparire in primo piano nelle ricerche delle aziende. Trattiene l’ 8,75% sui tuoi guadagni.
  • 99designs: è un sito di “design contest”. Partecipa ad una competizione con altri freelancer e aggiudicati il premio ed il cliente. Guadagni decisamente sopra la media. Il cliente o l’azienda sceglie tra i pacchetti di contest proposti al prezzo stabilito dal designer. Non è facile vincere, la concorrenza è alta, ma se vinci…vinci bene.
  • Theme Forest: è il miglior marketplace in circolazione per la vendita di temi WordPress ed appartiene al network di Envato. L’assistenza è fornita proprio da te, che vieni assunto per il tuo particolare design. I prezzi a cui vendere variano tra i 20 ed i 60$. Le commissioni variano tra il 12.5 ed il 55% sul prezzo finale al cliente, rispettivamente se sei autore “esclusivo” o “non esclusivo”.
  • Creative Market: puoi vendere qualunque cosa ed il tuo parere, come designer, è molto apprezzato dai clienti. Icone, illustrazioni, mock-up, inviti, brochures, loghi. A te, sbizzarrirti con la fantasia. Questo sito trattiene il 30% sul valore finale del tuo design, comprensivo di IVA.
  • Freelancer.com: funziona un po’ come eBay, con il sistema d’aste. Invece di vendere e offrire beni, permette di offrire il tuo design. Pagherai tra i 3-5$ o tra il 3-10% del costo totale del progetto, a seconda del tipo di abbonamento che sottoscrivi.

 

3 – PUBBLICARE I TUOI DESIGN SUI MARKETPLACE ONLINE

store-design-icon-green

Ci sono innumerevoli siti su cui aprire il tuo negozio. Quello che dovrai fare – una volta aperto – è caricare il tuo design. Potrai scegliere tra svariati oggetti di uso comune ed indumenti. Il sito penserà a realizzare la stampa e spedirlo all’acquirente.

Alcuni dei colossi del settore sono:

  • Cafèpress: contiene mille e uno prodotti su cui imprimere il tuo design. Talvolta la qualità dei materiali non è eccellente, ma si possono fare piccoli affari velocemente data la vasta offerta. I prezzi base dei prodotti variano dai 2.99$ in su .
  • Zazzle: simile a Cafèpress. Intuitivo e ben organizzato, è in lingua inglese. Non esiste la versione in italiano. C’è la possibilità di restituire il prodotto e venire rimborsati entro 30 giorni dall’acquisto: buono per il cliente, una grana eventuale per noi designers. Offre la possibilità di iscriversi a diversi “pacchetti Royalty” che permettono di aumentare i tuoi profitti su un articolo. Personalmente non ho mai utilizzato Zazzle, trovo che le condizioni d’uso del servizio siano poco chiare.
  • Spreadshirt: costo base (senza design impresso) competitivo rispetto alle altre piattaforme, quindi maggiori profitti (0-20€). Iscrizione gratuita. Altrimenti c’è la possibilità di aprire un negozio virtuale a pagamento: consente un maggior numero di caricamenti dei propri progetti grafici. Qualità dei materiali buona. Pagine chiare e ben indicizzate, l’orientamento all’interno del sito è intuitivo e scorrevole. La stampa e la spedizione risultano essere molto veloci. Personalmente non ho mai avuto necessità di contattare l’assistenza, ma c’è chi se ne lamenta sul web.
  • Sunfrog: funziona in maniera leggermente differente dagli altri. Vende solo T-shirt. Non dovrai aprire un negozio, ma vendere i tuoi design (in questo caso Sunfrog trattiene il 20% sul totale) o quelli di qualcun altro (in questo caso trattiene il 15%). Se qualcuno vende il tuo design, anche lì tu guadagni: il 5% su ogni articolo. I clienti talvolta si lamentano di spedizioni lunghe e prodotti danneggiati. Pagamenti ogni primo del mese, quindi non per ogni design venduto sulla maglietta. Carino, ma guadagni limitati.

Ricordatevi che in questo caso dovrete controllare attentamente il contratto che stipulerete con ognuno di quest marketplace per verificare eventuali cambi su tematiche relative ai diritti d’autore.

4 – CREARE UN TUO BRAND USANDO SHOPIFY

logo-shopify-jetpack

Shopify è una piattaforma completa di e-commerce. Al costo base di 29.90€ al mese siete online con una piattaforma velocissima e affidabile con la quale potete in meno di 3 giorni di lavoro e senza sapere una riga di codice costruire il vostro shop e vendere online le vostre creazioni (dalla classica t-shirt alle snickers, dai leggins ai canvas).

 

Potete integrare con un click tantissimi fornitori che possono stampare e realizzare il vostro prodotto con il vostro design e spedirlo per voi con il vostro logo/brand.

Sì, hai capito bene: senza la necessità di avere un magazzino.

Negli Stati Uniti è un fenomeno esploso già da un paio d’anni e sta creando nuovi milionari ogni giorno.
Basta che fai una ricerca veloce su google.

Io stesso lo sto testando da qualche mese e la community che si sta costruendo dietro al mio progetto è appassionatissima. Ci sono molti clienti affezionati che acquistano frequentemente. Il potere del BRAND… siamo tutti un po’ soggetti al suo fascino.

Attenzione però. Sebbene possa sembrare economico poter vendere online col proprio brand con meno di 500€ l’anno (ovviamente in rapporto alle spese che qualsiasi altro imprenditore dovrebbe sostenere per aprire un’attività analoga di commercio classica) non dovete sottovalutare questi costi.

Sconsiglio vivamente l’apertura di un negozio se prima non si hanno le idee chiare. Una analisi di mercato e dei competitors è fondamentale. Senza parlare anche dei metodi di promozione. Insomma non basta un bel design per diventare ricchi.

Proprio per questo abbiamo creato un nuovo video blog (ovviamente gratuito) dove condividiamo le nostre esperienze, ti spieghiamo come superare certi probemi e ti facciamo vedere passo passo come costruire il tuo primo store.

CONCLUSIONI

Insomma, hai solo da scegliere.

Se vuoi essere un freelancer ed offrire i tuoi design, ricordati di verificare le percentuali trattenute dai siti; se invece vuoi aprire un negozio on line, controlla sempre le spese di apertura e gestione.

Se vuoi iniziare subito con guadagni un pochino più “corposi”, non dimenticare di sperimentare il nuovo metodo del print on demand.

E’ finita l’epoca delle piattaforme di Stock Photos in cui i designer venivano trasformati in freelancers “clandestini” e dove la vera fetta del valore se la prendeva la piattaforma stessa.

I metodi di cui ti ho parlato sono innovativi (ok forse il punto 3 non troppo…) ed i limiti li decidi solo tu ed il tuo tempo.

Ovviamente avrai capito che io lavoro principalmente con il metodo (1) e (4) ma conosco tante persone che stanno letteralmente trasformando la propria passione in una professione vera e (finalmente) redditizia grazie a questi metodi.

Spero che l’articolo ti sia stato utile.

Se hai dubbi o domande o conosci altri metodi fatti sentire qui sotto o, meglio, richiedi l’accesso al nostro gruppo facebook (siamo quasi 1000)!

Un abbraccio

Alessandro

caricatureRecovered-Recuperato

Autore: Alessandro Kayed

Viaggiatore seriale ed imprenditore digitale.
La mia storia.

2 Comments

  1. Daniele maggio 19, 2017 at 9:38 am - Reply

    Io sono un ragazzo creativo mi piacerebbe approfondire quanto faccio se puoi darmi qualche dritta ti ringrazio.

Leave A Comment